A Cherasco i Campionati Italiani di ciclismo, categorie Juniores femminili e maschili in programma il 2 e 3 luglio 2022 con l’organizzazione del Velo Club Esperia di Piasco.

Redazione
20 Febbraio 2022
Updated 2022/02/21 at 10:32 PM

A distanza di 31 anni dall’ultima volta, tornano in Piemonte i campionati italiani di ciclismo: il 2 e 3 luglio a Cherasco, in provincia di Cuneo, saranno assegnate le maglie tricolori della categoria Juniores. Protagonisti sia uomini sia donne, in un evento organizzato dal Velo Club Esperia Piasco, sodalizio che proprio nel 2022 celebra il 50simo di fondazione.

“Siamo contenti – commenta il Presidente della Fci regionale Massimo Rosso – che il Consiglio Federale abbia riconosciuto la validità del progetto presentato dal Velo Club Esperia. Questa storica società merita questo riconoscimento per quello che in questi anni ha fatto per il ciclismo piemontese, cuneese, e, dico io, anche nazionale. Avere questo importante evento a Cherasco ha un valore, per me, ancora maggiore vista l’attenzione che il Comune di Cherasco ha in questi anni riservato al ciclismo. Un ringraziamento va quindi al Sindaco e alla sua Amministrazione per essersi messi a totale disposizione del Velo Club Esperia”.

Il Presidente del Velo Club Esperia Piasco, Bruno Salvatico, esprime soddisfazione per la scelta: ”Per la nostra società è il gradito riconoscimento al nostro lavoro da parte della Federazione, un premio alla nostra passione e alla nostra storia. Storia fatta dai ragazzi e ragazze, dagli atleti e atlete, dai e dalle Dirigenti che hanno permesso al Velo Club Esperia la creazione di un ambiente sportivo, ma non solo, dove crescere sempre senza forzature o costrizioni, dove il risultato era ed è secondario rispetto ai valori che trasmette questo sport”.

Nei prossimi mesi una Commissione nazionale valuterà i progetti e da quel momento scatterà il vero conto alla rovescia. “Possiamo anticipare che le maglie saranno assegnate su circuiti spettacolari e impegnativi, che renderanno onore alla manifestazione”, concludono gli organizzatori.

Condividi